Se non vuoi perdere nessun post del mio blog clicca su segui

Benvenuti nel mio blog!

Welcome! ... Bienvenue chez moi! ... Willkommen!... dobrodošli! ... Bienvenida! ...

Mi auguro che trascorrerete attimi piacevoli sul mio blog, dove troverete i miei hobbies, con foto di ricami, pittura su porcellana, ricette di cucina, le mie piante, le mie vacanze ...

I wish you a pleasant moments on my blog. You will find my hobbies with pictures of embroidery, painting porcelain, a few recipes, plants and flowers, my holidays ...


Per vedere tante altre foto clicca su http://scattipercuriosita.blogspot.it

traduci translate traduire

lunedì 12 marzo 2012

Kavafis ... una recensione in trasferta

Qualche tempo fa ho pubblicato una poesia di Costantino Kavafis e un mio attento lettore ha pensato di mandarmi via mail la recensione delle poesie di questo autore, ed io ho il piacere di proporvela.

Kavafis _ Le memorie e la passione

Questa è una recensione per cosi dire, fuori dagli schemi. Non leggo poesie da molto tempo, ma tutti le hanno scritte, almeno qualche volta, negli anni della gioventù, o dell’adolescenza, quando l’amore, l’incantatore primo, ipnotizza e turba i sensi, forzando ad usare le parole su strade sconosciute per trovare un senso. Questo secondo libro della collana poeti del 900, mi ha insegnato che la poesia va letta piano, lentamente. Volevo leggerla e l’unico modo era appunto quello. Ho dovuto frenarmi e far scendere parola a parola, quasi goccia a goccia, il senso nella mente, per poterne scoprire la poesia. E poi non ho voluto abbandonarla e cosi, faticando le ho lette tutte. Quasi un lavoro. E questo in minima parte, riconosce l’oscuro lavoro del poeta. Che insegue, non c’è dubbio la parola giusta, il verso compiuto. Tanto più per uno come kavafis, che resta un enigma, per me, dietro agli occhiali con le lenti appena fumè, il vestito inappuntabile, con il gilet, e la pochette ed i gemelli. In una Alessandria, risonanze infinite, sepolto vivo, a coltivare i suoi fantasmi della memoria, ulteriore mito ad una città che non si è fatta mancare nulla. Non sono poesie per tutte le stagioni. Sono poesie di rassegnata disperazione dietro la passione, urlanti bestemmie dietro la raffinata citazione erudita. Sconvolgenti. Anche perché manca assolutamente una dimensione storica attuale. Non vi è nessun riferimento se non in una, al paese ed al mondo dove viveva. Eppure,se in questo non è epica, ma lirica, apparentemente, sono dimenticate, infrequenti accidenti, inciampi , se pensiamo a come ben minori poeti furono premiati. Ci si domanda se la letteratura italiana del 900 disse qualcosa, di simile. No, la voce di tale poeta è unica e solo con il tempo verrà fatta giustizia .

Nessun commento:

Daisypath Friendship tickers

Daisypath Anniversary tickers

Che tempo farà?

Award...

Award...
assegnatomi dal blog "l'incantesimo dello zucchero" di Rocco

Avviso

Questo Blog è un luogo virtuale in cui condividere le mie passioni con persone che hanno gli stessi miei interessi: lettura, uncinetto, pittura, cucina, etc etc; Viene aggiornato quando l'autore riesce a ritagliarsi un po' di tempo libero e quindi senza alcuna periodicità, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7/3/2001. Le fotografie inserite nei post sono di proprietà dell'autore del Blog e pertanto non è consentita alcuna riproduzione senza il suo esplicito consenso.

L'autore del seguente blog NON percepisce alcun commissione dalle aziende dei prodotti rappresentati per realizzare recensioni, usare o mostrare tali prodotti e non ha alcun legame lavorativo o personale con esse.
Ci sono giorni memorabili nelle nostre vite in cui incontriamo persone che ci fanno fremere come ci fa fremere una bella poesia, persone la cui stretta di mano è colma di tacita comprensione e il cui carattere dolce e generoso dona alle nostre anime desiderose e impazienti una pace meravigliosa. Forse non le abbiamo mai viste prima e magari non attraverseranno mai più il sentiero della nostra vita; ma l'influsso della loro tranquillità e umanità è una libagione versata sul nostro malcontento, e sentiamo il suo tocco salutare come l'oceano sente la corrente della montagna che rinfresca le sue acque salate. Helen Keller
by Renata