Se non vuoi perdere nessun post del mio blog clicca su segui

Benvenuti nel mio blog!

Welcome! ... Bienvenue chez moi! ... Willkommen!... dobrodošli! ... Bienvenida! ...

Mi auguro che trascorrerete attimi piacevoli sul mio blog, dove troverete i miei hobbies, con foto di ricami, pittura su porcellana, ricette di cucina, le mie piante, le mie vacanze ...

I wish you a pleasant moments on my blog. You will find my hobbies with pictures of embroidery, painting porcelain, a few recipes, plants and flowers, my holidays ...


Per vedere tante altre foto clicca su http://scattipercuriosita.blogspot.it

traduci translate traduire

martedì 27 settembre 2011

Un dolce veloce, veloce...

Finalmente riesco a mostrarvi il dolce che ho preparato domenica scorsa. Per la verità, la settimana scorsa è stata lavorativamente parlando molto pesante e quindi non pensavo di riuscire anche a preparare un dolce, però quello che vi mostro appaga il palato ed è stato veramente di semplice e veloce esecuzione. Occorrono due bicchieri alti, tipo quelli usati per gli affogati. Sul fondo ho posto dei ritagli di pandispagna a dadini, una tazzina di caffè espresso, due amaretti sbriciolati, panna montata, granella di nocciola, poi ancora due cucchiai di nutella e infine la proverbiale ciliegina. Tempo di realizzazione veramente poco, ma vi garantisco il successo è assicurato!!!

venerdì 23 settembre 2011

In occasione del solstizio d'autunno....

L'autunno dipinto da Arcinboldo e quello cantato da Cardarelli
Autunno
Autunno. Già lo sentimmo venire
nel vento d'agosto,
nelle piogge di settembre
torrenziali e piangenti,
e un brivido percorse la terra
che ora, nuda e triste,
accoglie un sole smarrito.
Ora passa e declina,
in questo autunno che incede
con lentezza indicibile,
il miglior tempo della nostra vita
e lungamente ci dice addio
-
Vincenzo Cardarelli

giovedì 22 settembre 2011

qui al nord col naso all'insu.....

Qui al nord c'è un po' di apprensione: e sì perchè la protezione civile ci aggiorna sulle possibilità che alcuni frammenti, più o meno grandi, di un satellite NASA dismesso possano colpire le regioni settentrionali dell'Italia. Le finestre di interesse per l’Italia sono al momento comprese tra le 21:25 e le 22:03 di venerdì 23 settembre e tra le 3:34 e le 4:12 di sabato 24 settembre coinvolgendo potenzialmente le regioni del Nord Italia (Valle D’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e le Province Autonome di Trento e Bolzano).
Al momento non è ancora possibile escludere la possibilità, corrispondente a una probabilità stimabile attualmente intorno allo 0,6%, che uno o più frammenti del satellite UARS possano cadere sul territorio italiano.
Nell’incertezza dovuta alla molteplicità delle variabili, sono state fornite alcune indicazioni utili alla popolazione affinché adotti comportamenti di autoprotezione: - è preferibile rimanere in luoghi chiusi;
- i frammenti impattando sui tetti degli edifici potrebbero causare danni, perforando i tetti stessi e i solai sottostanti: pertanto, si può affermare che sono più sicuri i piani più bassi degli edifici;
- all’interno degli edifici i posti strutturalmente più sicuri dove posizionarsi nel corso dell’eventuale impatto sono i vani delle porte inserite nei muri portanti (quelli più spessi).
Che dire, dopo queste rassicuranti notizie, lasciate l'auto in garage e se proprio dovete uscire camminate col naso all'insù... non si sa mai :-)

martedì 20 settembre 2011

Tarascona

Nel nostro girovagare siamo arrivati anche a Tarascona e in piena festa medievale.
Davvero piacevole vedere come gli abitanti e gli espositori delle bancarelle fossero abbigliati in stile medievale. Ma a farci ricordare piacevolmente questa città è stato sicuramente lo spettacolo che si stava svolgendo in piazza al nostro arrivo. La compagnia dell'Hippogriffe si stava esibendo con i propri animali.
Specializzata in falconeria ha presentato parecchi rapaci facendo eseguire ad ognuno un numero o facendoli volare in mezzo al pubblico: Gufi reali, Civette, Aquile, Falchi, ma anche un numero di dressage con il cavallo Zephyr.
E' stato davvero uno spettacolo emozionante e unico, mai visto prima, e se qualcuno di voi fosse interessato può curiosare sul sito http://www.hippogriffe.net/

pont du gard... continua il viaggio fotografico

Riprendo a parlarvi delle mie vacanze francesi. Oggi vi propongo una località alquanto conosciuta: Pont du Gard.
Quest'opera maestosa, risalente al 19 a. C. è un ponte romano su tre livelli che fa parte del patrimonio dell'umanità dell'Unesco.

Il primo livello, quello più in basso è percorribile a piedi, infatti è una strada spaziosa; il terzo livello, quello più in alto è occupato dall'acquedotto romano, ovvero un cunicolo rettangolare di circa 2 metri per 1.20 circa, che serviva a rifornire di acqua la città di Nimes.
Il ponte attraversa il fiume Gardon: in queste foto potete vedere come sotto il ponte fervano attività sportive quali la canoa e sulle piccole spiaggette la balneazione.
L'accesso al ponte è pedonale. Si giunge in auto sino ad un grande parcheggio, da questo si passa per un'area di servizi molto ben attrezzata dove si trova la biglietteria, alcuni bar, dei negozi, toelettes, delle aree espositive e per seminari. Parcheggio, accesso al ponte e ai servizi costa 15 euro per ogni auto, e sicuramente merita la spesa l'ammirare da vicino questa costruzione in pietra che assolutamente non impiega cemento e che a tuttoggi si presenta ai nostri occhi.

lunedì 19 settembre 2011

Un mazzo di fiori per....

Ecco un'altra mia creazione.
Un vaso di fiori di campo, sempre realizzato a olio su tela.
Dimensioni molto simili alle precedenti.... cm 50 x 80 escluso la cornice.
Diciamo che per le prime opere potevo anche accontentarmi di dimensioni più contenute ma sono sempre stata attratta dai grandi spazi :-)

domenica 18 settembre 2011

qualcosa fatto da me... olio su tela

Oggi mi sono tornate fra le mani le foto di alcuni quadri dipinti da me, e mi son detta perchè non inserirli nel blog? Già, perchè no? Quello che vi mostro stasera è stato il primo esperimento di pittura ad olio su tela, copiato da un quadro fatto a mezzopunto che avevo visto a casa di un'amica di mia mamma che gentilmente mi ha concesso di copiarlo. Per essere il primo non è venuto male anche se la mano del principiante si vede.
Tre cigni si sollazzano beatamente nelle acque di un laghetto, fra le fronde e accanto ad una cascata.

mercoledì 14 settembre 2011

Girano le pale girano... del mulino ad acqua

Una tappa davvero pittoresca è stata quella a L’Isle-sur-la-Sorgue.
Questo paese è attraversato da parecchi canali che fanno sembrare la città una piccola Venezia.
Arriviamo in questo posto intorno alle 19, la luce del sole all'orizzonte scalda il paesaggio, ammiriamo le case con i terrazzini che danno sui canali, e scopriamo che ci sono molte ruote ad acqua ancora funzionanti, ricorperte di muschio.

Passeggiare fra i canali è rilassante ed è l'occasione per fermare in uno scatto fotografico qualche angolo particolarmente pittoresco come questo negozio di antiquariato.

domenica 11 settembre 2011

Torta a libro farcita con crema alla nutella e decorata con mmf

Ce l'ho fatta: ecco la mia torta "libro aperto"! Non sarà perfetta ma non sono una pasticcera di professione, non ho fatto corsi ma mi sono documentata e applicata con passione e sono molto molto soddisfatta del risultato, sia estetico sia del palato. In fondo è la mia seconda torta fatta con la decorazione in marsh mallow!!!! e in più temevo di non finirla in tempo a causa di alcuni contrattempi che questa settimana hanno ridotto notevolmente il mio già limitato tempo libero. Я сделал вот мой торт "открытая книга"! Это не будет совершенным, но я не кондитера по профессии, но я не сделал курсы документально и применяться со страстью и очень в восторге от результата, и эстетически и неба. Внизу мой второй украшения пирог, сделанный с мальвы болото! к тому же я боялся, чтобы не закончить его в срок из-за некоторых неудач на этой неделе значительно сократили мою и без того ограниченные свободное время.
La torta misura 30 x 40 cm.
Non avevo una tortiera a forma di libro così l'ho realizzato montando i pandispagna in modo da dare l'effetto del libro aperto.
Торт меры 30 х 40 см. У меня был торт форма книги, так что я понял, за счет установки губку, чтобы дать эффект открытая книга.
Il libro ha tre strati di pandispagna, bagnati con latte e cherry, e farciti con crema alla nutella.(In pratica ho fatto una crema pasticcera con mezzo litro di latte, un baccello di vaniglia, 100 gr di farina, 70 gr di zucchero, nel mio caso zucchero di canna, 1 uovo intero ed un tuorlo. Una volta ottenuta la crema ho unito a poco a poco mescolando 400 gr di nutella). Ed ecco la crema alla nutella, cremosa e golosa pronta per essere spalmata sul pandispagna.
L'ultimo strato l'ho poi ricoperto con 350 gr di panna montata e poi in frigo a riposare .
Nel frattempo ho preparato il fondente di MM: volevo una copertura bianca e quindi marsh mallow bianchi.
Dopo averlo sciolto e lavorato con lo zucchero a velo ho "tirato la sfoglia" col mattarello. Книга состоит из трех слоев бисквита, пропитанные молоком и вишневым превысила со сливками и Nutella. (На практике я сделал с заварным кремом пинту молока, стручок ванили, 100 г муки, 70 г сахара, в моем случае, коричневого сахара, 1 целое яйцо и яичный желток. Как только вы получите крем я собрал понемногу, помешивая, 400 граммов Nutella). А вот крем шоколад, сливочное и вкусные готовые к распространению на бисквит. Последний слой Я затем покрывается 350 г взбитых сливок, а затем в холодильник, чтобы отдохнуть. Nel frattempo ho preparato il fondente di MM: volevo una copertura bianca e quindi marsh mallow bianchi. Dopo averlo sciolto e lavorato con lo zucchero a velo ho "tirato la sfoglia" col mattarello. Ho iniziato a realizzare i lati ovvero lo spessore del libro, poi i triangoli posti sotto alle "orecchie" delle pagine e infine l'ultima pagina superiore, quella da decorare. A questo punto ho inziato a decorare, posizionando nell'angolo in basso le rose che avevo già preparato nei giorni scorsi, usando mash mallow gialli e sfumando i petali centrali con colorante alimentare rosso in gel, in modo da ottenere un effetto sfumato come in natura. Le foglie, realizzate unendo al mmf giallo del colorante liquido blu, ho poi disegnato ghirigori e scritte d'auguri con la nutella. Infine ho sperimentato il colorante perlescente "oro antico" in polvere diluito con tequila con il quale ho realizzato i profili delle pagine, qualche ghirigoro e ripreso leggermente qualche petalo delle rose. Tocco finale il segnalibro con un ritaglio di mmf colorato col gel rosso. В то же время, я сделал помады М. М.: Я хотел белой обложке, а затем болото мальвы белые. После плавится и работал с сахарной пудрой я "вытащил лист" со скалкой. Я начал понимать, что толщина сторон книги, то треугольники в "уши" из страниц и, наконец, верхняя сторона. В этот момент я начал, чтобы украсить, размещение в нижней части розы, которые я уже подготовили несколько дней назад. Листья, сделанные путем объединения ММФ желтый краситель синяя жидкость, я тогда обратил каракули и с Nutella. Наконец я испытал окраски перламутровые "старое золото" порошка, смешанного с текилой. Закладка с последним штрихом для бит гелей ММФ окрашенные красным цветом.
Ho iniziato a realizzare i lati ovvero lo spessore del libro, poi i triangoli posti sotto alle "orecchie" delle pagine e infine l'ultima pagina superiore, quella da decorare.
A questo punto ho inziato a decorare, posizionando nell'angolo in basso le rose che avevo già preparato nei giorni scorsi, usando mash mallow gialli e sfumando i petali centrali con colorante alimentare rosso in gel, in modo da ottenere un effetto sfumato come in natura. Le foglie, realizzate unendo al mmf giallo del colorante liquido blu, ho poi disegnato ghirigori e scritte d'auguri con la nutella.
Infine ho sperimentato il colorante perlescente "oro antico" in polvere diluito con tequila con il quale ho realizzato i profili delle pagine, qualche ghirigoro e ripreso leggermente qualche petalo delle rose. Tocco finale il segnalibro con un ritaglio di mmf colorato col gel rosso.

venerdì 9 settembre 2011

Torino - 18° raduno Vigili del fuoco

Questo week end Torino ospita due manifestazioni:il 18°raduno dei vigili del Fuoco e la 6° fiera dell'agricoltura. Per quanto concerne i vigili del fuoco, sabato 10 settembre la piazzetta reale ospita la mostra degli automezzi dei Vigili del Fuoco mentre domenica 11 settembre, si terrà una S. messa in Duomo e il Raduno continuerà con la sfilata lungo via Roma, con partenza da piazza Castello e arrivo in piazza Carlo Felice. Inoltre è partita da Forlì e arriverà sabato a Torino una staffetta ciclistica su biciclette d’epoca. Ai giardini reali invece si svolgerà questo week end la 6ª edizione della fiera dell'agricoltura: intrattenimento, animazioni, degustazioni, e vendita di prodotti agroalimentari.

giovedì 8 settembre 2011

Le Thor


Un'altra nostra meta è stato il piccolo borgo di Le Thor.
Le sue origini risalgono al medioevo, la sua chiesa Notre-Dame-du-lac è un vero bijou, bagnata dalla Sorgue nella quale si riflette la chiesa stessa edificata nel XII secolo. La Chiesa la troviamo chiusa e così ci dobbiamo accontetare di ammirarla da fuori e di scattare qualche foto del fiume con le paperette e del portale a sud per il bell'ornato che attrae sempre i turisti.
Il borgo merita una visita anche per la bella torre con l'orologio municipale e il campanile in ferro battuto.
Non potendo visitare la Chiesa lasciamo il borgo e ci dirigiamo verso un'altro paese caratteristico, ovvero L'isle_sur_la_sorgue, ma di questo posto molto grazioso regno di antiquari e dove trovate ancora funzionanti le vecchie ruote ad acqua dei mulini vi parlerò prossimamente.

progetto goloso

Questa settimana mi ero riproposta di lavorare ad un progetto goloso, ovviamente nel mio tempo libero. La scadenza per questo progetto è vicna ed io non sono ancora riuscita a lavoraci quanto volevo. Di che si tratta? Sabato è il compleanno di mio marito ed io voglio ehm fargli la festa eh eh.... nel senso che vorrei preparare una torta decorata. Una delle sue passioni sono i libri, ama leggere, saggistica, gialli, filosofia, politica, economia, divora di tutto e in poco tempo e quello che più mi fa rabbia e che assimila il contenuto e i concetti di questi libri con la facilità di una spugna! Così in casa nostra i libri non mancano mai ed una volta letti, siccome in casa ne girano tanti, nuovi ed usati, e la casa non è immensa, vengono catalogati e inscatolati per essere posti in cantina. Questo mi ha fatto venire un'idea: perchè non fare una torta a forma di libro? Di quelle farcite e ricoperte di glassa di zucchero.
Non possiedo una tortiera a forma di libro ma in internet viene spiegato praticamente tutto perchè non provarci! Solo che sono un po' in ritardo, il tempo libero è poco e la torta che ho in mente è un po' elaborata. Ce la farò?

domenica 4 settembre 2011

Provenza per golosi

Vi parlo ancora di Provenza, ma stavolta un post goloso. Nel post su Sault vi raccontai che ebbi modo di assaggiare un gelato alla lavanda. Non ne fummo molto entusiasti, ma vi era un motivo, non aveva il sapore e il profumo della lavanda. Il gelato alla lavanda l'avevamo già mangiato ben tre anni fa quando, venuti in Provenza, avevamo scoperto tra i colli e i boschi del Luberon un angolo incantato: l'Art Glacier. Un Mas, non confondetelo con un pes de sas un po' gros :-), ma un'abitazione rurale provenzale ad un solo piano, è stata trasformata in una gelateria: laboratorio, bancone di vendita, una sala denominata Favola per lo stile dell'arredamento che ricorda un'atmosfera romantica e favolosa, e un ampio dehors con vista panoramica sulla vallata.

Noi ci siamo stati tre anni fa e ci siamo tornati: qui il gelato può competere con quello italiano senza sfigurare, dal dehors si può ammirare un bellissimo tramonto e la sera si illumina di mille luci, creando un'atmosfera festosa.
Qui potrete trovare circa 70 gusti fra gelati e sorbetti, dai tradizionali cioccolato, fragola, vaniglia, caffè ai più originali rosmarino, timo, peperoncino, miele, pera, lavanda, rosa, mughetto, pan speziato...

Io ho provato timo, rosmarino, lavanda e pistacchio.... buoni, davvero buoni!!! Non vi viene l'acquolina?

venerdì 2 settembre 2011

Sault: il miraggio di un campo di lavanda fiorita

Il secondo giorno di vacanza l'abbiamo dedicato alla visita di Sault. Sault è un paese a circa 800 metri sul livello del mare, sempre nel dipartimento del Vaucluse. Perchè andare a Sault? perchè la volta precedente che siamo stati in Provenza, ovvero tre anni fa, era fine agosto e non abbiamo potuto ammirare le distese fiorite di lavanda perchè viene raccolta a fine luglio. Quest'anno anche se le nostre vacanze hanno avuto inizio il 14 agosto siamo riusciti a trovare un paese "di montagna" dove la lavanda viene raccolta a metà agosto, ma non solo, il 15 di agosto di ogni anno si svolge la "festa della lavanda", una fiera in cui ci sono tante bancarelle, sfilate di gruppi folcloristici, ma soprattutto il campionato di taglio della lavanda. Siamo arrivati a Sault la mattina verso le 10, parcheggiata l'auto un po' distante da dove in realtà si teneva la manifestazione, ma non c'era modo di avvicinarci di più, le strade erano transennate e vi era un servizio d'ordine. Ci siamo così incamminati a piedi seguendo la fiumana di visitatori che come noi erano diretti all'ippodromo di Sault; una lunga camminata sotto il sole (neppure un alberello a farci ombra) e poi finalmente un boschetto che si apriva su una miriade di gazebo che ospitavano le bancarelle, ovviamente il tema conduttore era la lavanda. Seguendo la voce che sottolineava i momenti della gara di taglio, già iniziata, siamo giunti ad un campo di lavanda fiorita, appena in tempo per vedere la gara dei tagliatori professionisti. Avete presente come sono i campi di lavanda? le piantine sono messe tutte in fila allineate, bene, ciascuna fila era assegnata ad un tagliatore che con falcetto in mano e sacco di juta sulle spalle attendeva il via. Naturalmente essendo una gara vi era anche una giuria che posizionata alle spalle dei tagliatori predeva delle annotazioni. Dato il via i tagliatori di lavanda procedevano tagliando decisi mazzi di lavanda con gambi di una trentina di centimetri, e man mano li infilavano nel sacco sulle spalle. quando il sacco diventava troppo pieno stendevano sui cespugli di lavanda più avanti rispetto a dove stavano tagliando un telo di iuta e vi deponevano sopra il tagliato fino a quel momento portato sulle spalle. La gara durava circa 15-20 minuti. Allo stop i tagliatori dovevano fermarsi e riunirsi intorno ai giudici che provvedevano a pesare la lavanda tagliata da ciascun partecipante. Al termine della gara intorno alle 12, il campo era per metà ancora intatto con tutti i bei cespugli di lavanda fioriti e si poteva raccogliere liberamente le profumate spighette, così anche noi ci siamo immedesimati nei tagliatori di lavanda.... Guardate che bel mazzo di lavanda mi sono portata a casa!
E non vi dico il profumo, com'era intenso!!!
Terminata la gara, raccolta la lavanda, abbiamo fatto un giro per le bancarelle, acquistato qualche souvenir, assaggiato il gelato alla lavanda (una boulle 2 euro, ma non sapeva di lavanda, era insipido) ma soprattutto assistito all'esibizione di un gruppo folcloristico e alla sfilata con biciclette d'epoca. Bellissimo!!!

Se volete assistere ad una fiera paesana che abbia il sapore di quelle di una volta e venir inebriati dal profumo di lavanda, beh andate a Sault il 15 agosto!
Nel pomeriggio abbiamo lasciato la fiera e ripreso il nostro viaggio alla scoperta dei paesi provenzali, coadiuvati dal nostro fido navigatore satellitare di nome Silvia, abbiamo percorso una strada che ci ha riservato un'altra sorpresa: un campo di lavanda ancora da tagliare ma questa volta con un sistema diverso, ovvero il taglio a macchina. Il trattore guidato dall'uomo passava sopra ai cespugli di lavanda, li tagliava e li legava in piccole fascine.
Sault: le mirage d'un champ de lavande La deuxième journée de vacances, nous sommes été à Sault. Sault est un village situé à environ 800 mètres d'altitude,dans le département du Vaucluse. Pourquoi aller à Sault? car la dernière fois nous avons été en Provence, ou il ya trois ans, c'était la fin d'août et nous avons pu voir l'étendue de fleurs de lavande à la fin de Juillet, car il est recueilli. Cette année, nos vacances ont commencé le 14 août donc nous avons été en mesure de trouver un pays de "montagne" où la lavande est récolté à la mi-août, mais ne se limite pas au 15 août de chaque année accueille la fête "du Lavande », un spectacle où il ya de nombreux stands, des défilés de groupes folkloriques, mais surtout la lavande coupée ligue. Nous sommes arrivés à Sault le matin autour de 10 heures, la voiture parking un peu plus 'loin du lieu où l'événement est effectivement tenues, mais il n'y avait aucun moyen de se rapprocher, les rues étaient bouclés. Nous avons donc commencé à marcher en suivant le flux de visiteurs vers le Sault hippodrome, une longue marche au soleil (pas même un arbre pour nous donner ombre) et enfin un bosquet qui a ouvert sur une myriade de gazebo, des stands, bien sûr, le thème était la lavande. Suite à l'entrée qui a souligné les moments de la coupe de course, déjà commencé, nous sommes arrivés à un champ de fleurs de lavande, juste à temps pour regarder la course de la coupe professionnelle. Vous savez comment ils sont des champs de lavande? les plantes sont placées en rangées alignées, ainsi, chaque ligne a été affecté à un cutter avec faucille à la main et sac de jute sur le dos d'attente pour le vert. Bien sûr, être une course il y avait aussi une coupe du jury placé derrière les dossiers proie. Depuis le début de la lavande a procédé tailleurs coupés bouquets de lavande a décidé avec des tiges d'un pied, et comme ils ont rampé dans le sac sur ses épaules. lorsque le sac est trop plein répartis sur les buissons de lavande avance l'endroit où ils ont été de couper un morceau de jute et vous le mit sur la coupure jusque-là porté sur ses épaules. La course a duré environ 15-20 minutes. Au stop coupeurs devaient s'arrêter et se rassemblent autour des juges chargés de peser la lavande à chaque participant.

A la fin de la course à environ 12heures, la moitié du terrain était encore intact avec tous les arbustes à fleurs magnifiques de lavande et odorantes pourraient se rassembler librement, de sorte que nous nous identifions avec les coupeurs de lavande .... Regardez ce beau bouquet de lavande que j'ai apportés à la maison!
Après la course, nous avons marché acheté quelques souvenirs, glaces parfumè à la lavande (un 2 boulle d'euros, mais ne savait pas de lavande, il était fade), mais aussi témoin de l'exposition d'un groupe folklorique et le défilé avec des vélos d'époque. Magnifique!

giovedì 1 settembre 2011

Vaucluse

Il Vaucluse è una zona della Francia che può essere definita la Provenza nella sua espressione più pittoresca: con i paesini che si riempiono di vita nei giorni di mercato, con le campagne colorate dalle tonalità della lavanda e dei vigneti. La capitale di questa regione è Avignone, ma anche altri centri sono interessanti: Orange col suo teatro romano, Carpentras famosa per la sua antica comunità ebraica, Fontaine de Vaucluse, Gordes, Roussillion e tanti tipici paesini provenzali. Facendo base a Pernes abbiamo visitato la città di Carpentras.
Questa città che fu un centro commerciale al tempo dei greci e capitale del territorio papale del Comtat Venaissin nel 1300, divenne il rifugio degli ebrei espulsi dai territori governati dalla corona francese, linguadoca e provenza, dove poterono vivere protetti dal papa. Interessante, anche se noi risiamo riusciti a vederla solo di fuori è la cattedrale dedicata a St. Siffrein, in stile gotico. La città ha tanti angoli interessanti e ricchi di storia: fontane, l'antica sinagoga, il municipio, l'hotel de Dieu....
Caratteristica golosa: a Carpentras trovate i Berlingots che sono una specialità tipica. Si tratta di caramelle di pasta di zucchero di vari colori e ai vari gusti (menta, melone, mandarino, limone, anice), striate di bianco e la pasticceria più rinomata che li produce (specializzata anche in frutta candita) è Clavel in Avenue du Marché. Successivamente la nostra giornata è continuata con la visita della città di Orange.
Se non fosse stato per i romani Orange sarebbe rimasta una città piuttosto ordinaria, però del passaggio dei romani ci è rimasto un bel teatro progettato per contenere fino a 10.000 persone, visitabile a pagamento, e nel quale nel periodo estivo si tengono delle manifestazioni quali concerti di musica classica ed operistica. Molto bello è l'arco di trionfo in ottime condizioni, adornato con bassorilievi che ricordano le vittorie di giulio Cesare sui Galli del 49 aC Ad una trentina di chilometri da Orange abbiamo visitato Vaison la Romane. Ci siamo arrivati in pieno giorno di mercato e non è stato facile trovare parcheggio per l'auto. Mentre il maritino cercava di sistemare l'auto io ne ho approfittato per gironzolare tra le bancarelle. C'era un po' di tutto, fischietti e richiami per animali, originali giochi in legno per bambini, cappelli e coloratissime borse di paglia intrecciata, tessuti provenzali, ceramiche nei colori tipici della zona, solari e caldi. Parcheggiata l'auto abbiamo visitato la cittadina che ha la caratteristica di avere un centro medioevale, in alto sulla collina dove si trova il castello e il tipico campanile provenzale in ferro battuto, ma anche un borgo sul fiume Ouveze raggiungibile attraversando il ponte romano. Nel borgo lungo il fiume, attraversato tutto il mercato, abbiamo raggiunto i siti dove si possono ammirare le rovine. Questo doveva essere una zona commerciale ai tempi dei romani, è possibile vedere come i locali nei quali venivano vendute le merci fossero tutti simili ed affacciati sulla via, c'erano le terme ed anche la palestra.
La giornata è terminata rientrando a Pernes Les Fontaines dove abbiamo cenato nella pizzeria della piazzetta e con una passeggiata alla ricerca delle sue 40 fontane.

Daisypath Friendship tickers

Daisypath Anniversary tickers

Che tempo farà?

Award...

Award...
assegnatomi dal blog "l'incantesimo dello zucchero" di Rocco

Avviso

Questo Blog è un luogo virtuale in cui condividere le mie passioni con persone che hanno gli stessi miei interessi: lettura, uncinetto, pittura, cucina, etc etc; Viene aggiornato quando l'autore riesce a ritagliarsi un po' di tempo libero e quindi senza alcuna periodicità, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7/3/2001. Le fotografie inserite nei post sono di proprietà dell'autore del Blog e pertanto non è consentita alcuna riproduzione senza il suo esplicito consenso.

L'autore del seguente blog NON percepisce alcun commissione dalle aziende dei prodotti rappresentati per realizzare recensioni, usare o mostrare tali prodotti e non ha alcun legame lavorativo o personale con esse.
Ci sono giorni memorabili nelle nostre vite in cui incontriamo persone che ci fanno fremere come ci fa fremere una bella poesia, persone la cui stretta di mano è colma di tacita comprensione e il cui carattere dolce e generoso dona alle nostre anime desiderose e impazienti una pace meravigliosa. Forse non le abbiamo mai viste prima e magari non attraverseranno mai più il sentiero della nostra vita; ma l'influsso della loro tranquillità e umanità è una libagione versata sul nostro malcontento, e sentiamo il suo tocco salutare come l'oceano sente la corrente della montagna che rinfresca le sue acque salate. Helen Keller
by Renata